Monetizzare il proprio traffico online con admitad

Sono tante le pagine web che ricevono traffico organico da motori di ricerca – sicuramente ne avrai moltissime anche tu – però non sono mai abbastanza i programmi di affiliazione che si concilino con l’argomento della pagina specifica.

Uno dei più classici problemi dell’affiliate marketer è quello di monetizzare il proprio traffico.

Inoltre, per quanto ci si sforzi di creare pagine ritagliate su determinati argomenti, succede sempre di ottenere una parte di visite da parole chiave inaspettate o non rilevanti.

Una parte importate di chi vuole guadagnare online con rendite passive, quindi, va dedicata alla ricerca continua di nuovi programmi a cui aderire, per ottimizzare i ricavi online delle pagine web migliori.

A tal proposito, oggi parliamo di admitad, un network di affiliazione internazionale con sede principale in Germania, con circa 550.000 iscritti da tutto il mondo e oltre 1300 programmi affiliate internazionali (anche in italiano) a cui aderire. admitad è stata fondata nel 2009 da Alexander Bachmann, figura molto nota nel mondo affiliate tedesco, che ha dato grande impulso nello sviluppo della piattaforma particolarmente user-friendly, con nuovi modelli di business centrati sul CPA. admitad, ad esempio, non trae profitto dai tuoi guadagni di affiliato, dato che non trattiene alcuna commissione sui tuoi risultati.

La cosa curiosa è che admitad non è “solo” un grande affiliate network: esiste anche una branca dell’azienda dedicata agli investimenti nel mondo del web, attraverso il finanziamento di app, tool, progetti web e startup che necessitino di supporto per spiccare il volo (se hai qualche idea o semplicemente vuoi maggiori informazioni, puoi liberamente scrivere a invest@admitad.com).

Non spenderò molte parole sulla piattaforma: da un network di affiliazione affidabile ci si aspetta come minimo una piattaforma rapida, usabile, intuitiva, con molti programmi disponibili, con filtri di ricerca generosi e con un’assistenza puntuale e professionale. Ad oggi admitad conta 7 sedi in tutto il mondo, pertanto anche l’assistenza – disponibile in più lingue – non è certamente improvvisata.

Si potrebbe definire admitad come un networktecnologico“, grazie allo sviluppo costante in-house della piattaforma, alle tecnologie antifrode, al tracking cross-device che permette di riconoscere le tue commissioni anche quando l’utente cambia dispositivo di navigazione, alle diverse opzioni di deep-linking e ai tool che sono a disposizione degli iscritti.

Un’occhiata ai programmi di admitad

E’ possibile esplorare i programmi con il classico filtro per categoria / per lingua / per risultato richiesto (lead o sales – contatto o vendita) / per tipologia di traffico / per strumenti. Una cosa che ho apprezzato moltissimo e che offre subito un’impressione di solidità e sicurezza nell’offerta proposta è data dal fatto di poter esplorare i programmi disponibili anche senza iscriversi. E’ sufficiente andare a menù, cliccare su “programs” e giochicchiare con i filtri.

Per i miei gusti, un ottimo modo per valutare la piattaforma e ottimizzare il proprio traffico anche con un target di utenti pigri è quello di filtrare per:

  • nazione: Italia (se hai traffico italiano, ovviamente)
  • tipologia di risultato: lead

Inutile cercare programmi americani / in inglese che premiano le vendite se hai un sito in italiano: sono certamente quelli con epc più elevato (earnings per click, cioè il guadagno medio che ottieni per ogni click generato), pertanto ingolosiscono e attirano l’attenzione, ma non lasciarti distrarre da lauti programmi non adatti al tuo pubblico – o per lo meno, valuta con attenzione e raziocinio.

Dicevamo, “lead italiani”. Da una rapida ricerca, emergono una trentina di programmi affiliate, per lo più focalizzati sul gaming online (argomento che tira moltissimo); software per pc/mac; turismo; trasporti; forex.

Il numero di programmi triplica inserendo nel filtro sia lead che sales: in questo caso cominciano ad apparire numerosi servizi cinesi (e-commerce, tra cui anche AliExpress, interessante alternativa al solito Amazon), russi e americani che pagano bene anche il traffico di utenti italiani. Oltre a questi, si trovano anche brand importanti come Booking, Citibank, eBay, Target, Microsoft, Nike, Adidas, così come altri meno noti ma molto vantaggiosi. Ecco qualche scheda:

 

La varietà non manca; l’organizzazione nemmeno:

  • rating e effective cost per click (eCPC) evidenti e piuttosto interessanti;
  • informazioni chiare relativamente a rating, CR e tasso di approvazione, così da evitarvi noiose perdite di tempo, ma anche fornendo un’immediata percezione dell’esclusività o meno del programma;
  • validità del cookie (60 gg nel secondo programma, non male!);

La faccenda si fa ancora più interessante se invece hai un traffico di utenza inglese/americano o russo: il numero e la varietà dei programmi cresce a dismisura, riportando guadagni medi anche piuttosto elevati (tutte statistiche da valutare con attenzione, senza facili entusiasmi).

Report e Pagamenti

Dal punto di vista della trasparenza, poi, admitad mette a disposizione dei reporting particolarmente dettagliati. In molti casi, a fronte di ottimi programmi, mi sono imbattuto in passato in analytics davvero poco chiari e con pochissimi filtri e variabili con cui comprendere meglio l’origine dei propri risultati, pertanto questa trasparenza di admitad va perfettamente incontro alle esigenze dell’affiliate marketer.

Capitolo pagamenti: è possibile ricevere pagamenti settimanali, il che rende praticamente contestuale il guadagno teorico registrato dalla piattaforma con quello effettivo dato dall’incasso nel proprio conto, attraverso bonifico bancario, Paypal e altri sistemi. Anche il payout è facilmente raggiungibile: 10 euro (o dollari). Per gli affiliati migliori, inoltre, è possibile gestire pagamenti con tempistiche personalizzate.

Proprio in virtù della facilità e rapidità di consultazione, della profondità di programmi presenti, della politica trasparente in fatto di reporting e pagamenti, della versatilità di admitad intesa come azienda operante nel web che consiglio di dare un’occhiata.

Piccolo riassunto:

  • www.admitad.com/
  • Pagamenti settimanali e pagamenti premium a richiesta per gli affiliati che performano meglio
  • Payout: 10 euro/dollari.
  • Modalità di pagamento: bonifico, Paypal, altre modalità di e-payments.
  • Settori con più programmi disponibili: finanza, mobile, giochi online, viaggi, e-commerce
  • E’ un network “tecnologico”: dispone di tecnologie antifrode; sfrutta un tracking cross-device (es: da pc a smartphone, senza perdere la commissione per l’affiliato); dispone di diverse opzioni di deep linking; ha uno sviluppo “in-house” della piattaforma in mano agli affiliati.
  • Modello di business: admitad non trattiene commissioni sui tuoi guadagni e offre statistiche dettagliate e trasparenti.
  • Copertura programmi e customer care: internazionale

Iscrizione Publisher: www.admitad.com/en/webmaster/registration

Iscrizione Advertiser: www.admitad.com/en/aboard/registration

C’è qualcuno del network di AlVerde che ha già avuto esperienze con Admitad e che vuole condividere la propria opinione / esperienza?

The post Monetizzare il proprio traffico online con admitad appeared first on alVerde.net.

Continua a leggere

TEKKEN 7: Pugni di ferro per esperti e novellini

Recensione Tekken 7: Pugni di ferro per esperti e novellinici sono voluti più di due anni, ma finalmente Tekken 7 è uscito dalla lunga fase di testing nelle sale giochi nipponiche, per approdare su playstation 4. vediamo come se la cava!
gli ultimi due anni sono stati molto du ri per gli appassionati del torneo delpugno di ferro. Da quando è uscita la prima versione arcade nelle sale giochi giapponesi, infatti, Tekken 7 ha continuato a crescere e a migliorarsi. In giro per il mondo sono stati giocati molti tornei, ai …

Va all’articolo completo cliccando qui –>

Xbox One X: come sarà la nuova console Microsoft?

Notizia : Xbox One X: come sarà la nuova console Microsoft?All’E3 di Los Angeles di quest’anno, Big M ha destato un grande scalpore presentando nella sua conferenza stampa la nuova console Xbox One X, nota fino ad oggi con il nome in codice Project Scorpio
Phil Spencer, capo della sezione Xbox, ha fornito subito notizie interessanti e pratiche: la Xbox One X uscirà il 7 Novembre 2017 ed il suo prezzo sarà di 499 Euro. Costerà quindi circa 100 Euro in più rispetto alla Playstation 4 Pro del concorrente Sony. La nuova Xbox offrirà però …

Va all’articolo completo cliccando qui –>

Il logo di Ubisoft passa al bianco e nero

Notizia : Il logo di Ubisoft passa al bianco e neroDopo 14 anni di onorata carriera, Ubisoft ha mandato in pensione l’iconica spirale viola, rimpiazzata da una nuova versione che la compagnia defnisce “minimalista, moderna e monocromatica”.
Dopo 14 anni di onorata carriera, Ubisoft ha mandato in pensione l’iconica spirale viola, rimpiazzata da una nuova versione che la compagnia defnisce “minimalista, moderna e monocromatica”. È il quarto cambio di logo per il publisher francese e i modelli passati hanno rappresentato ognuno, di volta in volta, una tappa …

Va all’articolo completo cliccando qui –>

SALT AND SANCTUARY: Alla scoperta del genere dei SoulSvania

Recensione Salt and Sanctuary: Alla scoperta del genere dei SoulSvaniaFinalmente è disponibile la versione PS Vita di Salt and Sanctuary, appassionante incrocio tra dark souls e castlevania. Vuoi scoprire come se la cava sulla console portatile Sony?
p and Sanctuary er mesi ho aspettato l’uscita di su PS Vita. Pur Salt avendo giocato il titolo di Ska Studios su PlayStation 4, l’idea di avere sempre con me questo appagante incrocio tra i Souls di From Software e le avventure della famiglia Belmont mi faceva ribollire il sangue. …

Va all’articolo completo cliccando qui –>

LATE SHIFT: Pronto per una notte da leoni?

Recensione Late Shift: Pronto per una notte da leoni?Una serata come tante, un incontro fortuito e la rapina del secolo: mettiti comodo, il protagonista del film sei tu!
Videogiochi e cinema si sono ricorsi a vicenda per molto tempo. Con Late Shift potrebbero aver trovato un punto d’incontro. O forse ritrovato, visto che i FMV (Full Motion Video) game avevano riscosso già un certo successo negli anni ’90. Si tratta di giochi che utilizzano filmati con veri attori …

Va all’articolo completo cliccando qui –>